LA FASE 2 NON SARÀ UGUALE PER TUTTI.

LA FASE 2 NON SARÀ UGUALE PER TUTTI.
Dopo la flessione del 30,1% di marzo, ad aprile i consumi sono scesi su base annua del 47,6%. Lo rileva l’Ufficio Studi Confcommercio nella sua nota congiunturale, evidenziando come pochissimi i segmenti siano riusciti a registrare un segno positivo (alimentazione domestica, comunicazioni ed energia). La questione più grave, spiega il documento, è la concentrazione delle perdite su pochi importanti settori, come turismo e intrattenimento, che sono anche quelli più soggetti a forme di distanziamento e rigidi protocolli di sicurezza. “La fine del lockdown non sarà uguale per tutti”, sostiene quindi Confcommercio, secondo cui il rimbalzo del 10,5% del Pil previsto per maggio appare inoltre “modesto se confrontato alle cadute di marzo ed aprile”.

DINAMICHE DI CONSUMO AD APRILE:
🔼 🍫 Alimentari, bevande e tabacchi +3,1%
🔼 📞 Beni e servizi per la comunicazione +3%
🔽 💆🏻‍♀️ Beni e servizi per la cura della persona -21%
🔽 🏠 Beni e servizi per la casa -26,9%
⏬ 🏓 Beni e servizi ricreativi -79,6%
⏬ 🚘 Beni e servizi per la mobilità -81,4%
⏬ 👞 Abbigliamento e calzature -88,9%
⏬ 🏨 Alberghi e pasti fuori casa -92,6%

🎙 Quali saranno i tempi della ripresa?
fonte Linkedin

Lascia un commento